I rischi nascosti delle ristrutturazioni: intrusioni e furti.

Aggiornamento: 9 dic 2020

Col bonus ristrutturazioni si vedono in giro sempre più impalcature, ma quali sono i rischi per le nostre case?


Grazie alle vantaggiose condizioni poste dai bonus fiscali, ponteggi e impalcature stanno spuntando come funghi in tutte le città. Purtroppo però, quello che noi vediamo come un momentaneo fastidio fuori dalla nostra finestra rappresenta per i ladri una ghiotta opportunità.


Se già è frequente subire intrusioni e furti in condominio quando sembra impossibile che i ladri possano arrampicarsi fino ai piani più alti, quando i ponteggi sono installati, per i ladri è veramente una passeggiata raggiungere le finestre di ogni singolo appartamento.

Specialmente nelle ore notturne gli intrusi possono sfruttare la scarsa visibilità e la protezione di teli e cartelloni pubblicitari per scalare il palazzo facilmente e senza correre il rischio di essere individuati.


Una volta saliti fino al tetto, inoltre, è facilissimo per un ladro passare ai palazzi vicini e fare razzia in un gran numero di appartamenti di persone che non avevano assolutamente considerato il rischio del ponteggio "dei vicini".



Quando queste intrusioni avvengono (sempre più di frequente!) ci sono spesso conseguenze spiacevoli sul piano legale, oltre che il terribile trauma di ritrovarsi un malintenzionato in casa nel bel mezzo della notte: la responsabilità dei furti può ricadere sull'impresa incaricata dei lavori, sul fornitore del ponteggio o, addirittura, sugli stessi condomini derubati (!), come in questo recente caso riportato dal Sole24Ore.


Come fare per evitare intrusioni e grattacapi legali?

L'unico modo per rendere la vita difficile ai ladri è richiedere l'installazione di un impianto antintrusione sul ponteggio. Si tratta di un impianto d'allarme studiato per la protezione di impalcature e facciate che viene rapidamente montato al primo "livello sensibile" del ponteggio, in modo da rendere impossibile la scalata ai livelli più alti.


L'utilizzo quotidiano dell'impianto è semplice ed efficace: in dotazione vengono forniti dei telecomandi per inserire e disinserire l'impianto. Un telecomando viene normalmente lasciato ai residenti dell'abitazione o del condominio, mentre l'altro viene affidato all'impresa incaricata dei lavori.




Il sistema d'allarme può essere integrato con un combinatore telefonico GSM che, senza bisogno di una linea fissa, avvisa in caso d'allarme i contatti prestabiliti, ad esempio un servizio di vigilanza o le forze dell'ordine.



Ora lo sai! Se vuoi approfittare del bonus ristrutturazione non dimenticare di proteggere il tuo palazzo dai topi d'appartamento. Contatta Bieffe Sistemi per un sopralluogo gratuito e in meno di 24 ore saremo in grado di farti dormire sonni tranquilli anche quando la tua casa è più vulnerabile.






40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti